Formazione territoriale eTwinning

Desideriamo portare all'attenzione di docenti e dirigenti il seminario eTwinning che si svolgerà a Torino presso l'IC Regio Parco in corso Regio Parco 19, il prossimo mercoledì 6 novembre dalle ore 14.30 alle 18.30.

eTwinning è una piattaforma per insegnanti e dirigenti scolastici delle scuole di tutta europa per comunicare, collaborare, sviluppare progetti e condividere idee; in breve, partecipare alla più entusiasmante community europea di insegnanti.

In allegato è disponibile la locandina dell'evento con le indicazioni per iscriversi al pomeriggio di formazione.

Messa annuale

La messa annuale in suffragio di defunti soci e cari dell'Associazione si terrà sabato 9 novembre 2019 presso la Chiesa Beato Allamano in c.so Ferrucci 18 alle ore 17.00

Notiziario associativo Nuova Vita Magistrale

Sono in corso i lavori per la pubblicazione del nuovo numero del notiziario associativo Nuova Vita Magistrale, pertanto invitiamo tutti i soci e amici a inviare articoli, idee o contributi, anche legati alla propria esperienza scolastica, al fine di una proficua diffusione all'interno delle scuole.

Il termine di invio dei contributi è il 10 novembre 2019.

Gli articoli devono essere inviati in formato elettronico all'indirizzo eMail dell'associazione (info@associazionetommaseo.it).

La redazione "Nuova Vita Magistrale"

Nuovo Quaderno Eurydice sulla professione docente

L’Unità Eurydice dell’Italia ha pubblicato la traduzione italiana del rapporto Eurydice La carriera degli insegnanti in Europa: accesso, progressione e sostegno ospitandola nella collana “I Quaderni di Eurydice Italia”.

La versione originale, in inglese, è stata realizzata nel gennaio 2018 (Teaching Careers in Europe: Access, Progression and Support).

I dati si riferiscono all’anno scolastico 2016-2017.

Nuova Vita Magistrale (491 - aprile 2018)

Si rende disponibile in allegato il numero 491 del notiziario associativo uscito nel mese di aprile 2018.

Schegge

Pubblichiamo una raccolta di ricordi e riflessioni di Lia Ferrero, intitolata “Schegge”.

Nel progetto dell’autrice i racconti, scritti con l’unica finalità di serbare una memoria personale, dovevano essere molti di più. Il tempo ne ha bruscamente interrotto la stesura. Speriamo che Lia ci perdoni l’indiscrezione di aver curiosato e dato alla luce quanto di più intimo consegnava ai suoi taccuini, ma le sue pagine erano così emozionanti, piene di intelligenza e ironia da essere condivise con chi la conosceva ed apprezzava per le sue qualità umane e professionali.