Editoriale

Come ogni anno, il mese di giugno rappresenta un momento di consuntivo sull'attività dell'associazione. L'anno scolastico 2009/2010 è stato faticoso e particolare da diversi punti di vista: progettuale, scolastico e sociale.

Innanzitutto dal punto di vista progettuale, l'Associazione ha saputo portare a termine il percorso di autovalutazione d'istituto iniziato tre anni or sono. Quest'anno il lavoro è stato particolarmente complesso perché il questionario dedicato agli alunni, dopo quello rivolto ai docenti e ai genitori, ha richiesto notevoli capacità dialettiche e interpretative. Ma il progetto è stato condotto e concluso con la soddisfazione di tutti gli attori coinvolti. Da poco si è completata la sperimentazione presso le scuole pubbliche che hanno partecipato ai lavori e, dopo una definitiva e attenta taratura di quest'ultimo questionario, si potrà contare su un percorso efficace e costruttivo per guardare al proprio istituto e avere idee più chiare sul valore e l'efficacia della propria formazione e modalità educativa.

Dal punto di vista scolastico l'anno si sta concludendo con grande amarezza per i pesanti e continui tagli al personale e alle risorse, nonché per una riforma dei percorsi scolastici della scuola superiore che non sembra poter portare ai risultati attesi. L'Associazione, da sé e con i componenti del Forum Regionale per l'Educazione e la Scuola, ha cercato di favorire una riflessione in grado di mettere in discussione l'idea di scuola che si va configurando con le attuali politiche, mirate soprattutto a operare risparmi, purtroppo anche sulle conoscenze e competenze degli alunni. Grande preoccupazione, inutile nasconderlo, accompagnerà i nostri pensieri per il prossimo anno scolastico 2010/2011.

Infine l'anno sociale ha confermato come l'Associazione sia per molti insegnanti ancora un fermo punto di riferimento, sia nell'orientamento normativo sia dal punto di vista formativo. Le numerose e apprezzate consulenze sui più diversi aspetti della professione docente ci hanno lusingato, e la pubblicazione del notiziario Nuova Vita Magistrale, nella sua veste grafica piacevole e “tascabile”, ci ha permesso di arrivare direttamente a tutti i soci e a tutte le scuole della provincia per una capillare diffusione delle nostre iniziative e riflessioni.

Ci auguriamo che i soci, con il passare degli anni, continuino ad aumentare: questa è per me la migliore e sicura conferma che ci stiamo muovendo nella direzione giusta.

I miei più sinceri auguri per una serena estate e un impaziente arrivederci a settembre.

Fabrizio Ferrari