NVM 470

Nuova Vita Magistrale (470 - febbraio 2011)

Anno LXII - Numero 470 - Febbraio 2011

Leggi il notiziario o scaricalo in formato pdf.

Editoriale NVM 470

Crisi. La parola d’ordine di questi tempi è: crisi. C’è la crisi economica, la crisi dei consumi, la crisi nel lavoro: tutti i media e la quotidianità la esprimono e le nostre scelte, la nostra vita ne sono fortemente condizionati.

Poesie di Walter Ferrarotti

In altri numeri di questa Rivista ho avuto modo di parlare di Walter Ferrarotti, mio compagno di scuola ed amico per circa un sessantennio: si vedano il n° 462 - marzo 2008; il n° 465 - settembre 2009; il n° 466 - dicembre 2009.

Come Direttore centrale dei Servizi educativi della Città di Torino, egli ha avuto modo di esercitare per lunghissimi anni la sua tempra di educatore, di solerte organizzatore di servizi e di attività, di precursore e innovatore pedagogico.

Si stanno moltiplicando le occasioni celebrative e di ricordo della sua figura e della sua opera:

Fasce deboli (II parte)

La legge 104 del ’92 porta a compimento il lungo e contrastato processo di integrazione degli alunni con disabilità. La normativa successiva, pur disciplinando e rendendo esecutivi i principi fondanti della legge stessa, sembra perdere, almeno in parte, la carica innovativa del ventennio ’70 – ’90 che aveva fatto dell’Italia un interlocutore autorevole e trainante della cultura dell’handicap in Europa.

Risorgimento senza retorica

Ricorre quest'anno il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Sarà bene fare un’analisi più fredda e meno retorica di quanto ci ha tramandato un certo patriottismo scolastico, che pure ha avuto il merito di aver educato intere generazioni all’amor di patria.
Aveva ragione Massimo D'Azeglio, all'indomani della proclamazione del regno d'Italia ad esclamare: «Ora che l'Italia è fatta, bisogna fare gli italiani».

Riforma Gelmini: non abbiamo più parole

Secondo anno di applicazione della Riforma Gelmini…

Quello che in questi anni abbiamo cercato di impedire, con tutte le nostre forze, è sempre di più una realtà: con i nuovi provvedimenti, la scuola pubblica ha subito un ulteriore, durissimo colpo! Di fatto, il sistema di istruzione pubblico è sempre più disastroso, il diritto allo studio un’enunciazione di principio ormai povera di significato.

Scuola Mazzarello, lunedì 13 settembre: ci ritroviamo il primo giorno di lezione ad attendere bambini e famiglie nel cortile della scuola, in silenzio: NON ABBIAMO PIÙ PAROLE!